Attività Professionale

Lo Studio Legale dell’Avvocato Ludovico Santarelli è specializzato in tutto ciò che concerne il DIRITTO PENALE e la PROCEDURA PENALE, tutelando il cliente assistito sin dal primo incontro professionale, in ogni fase, per tutto l’arco del procedimento e del processo penale.

Si occupa del diritto penale in generale, dai reati contro la persona a quelli contro il patrimonio, dai reati contro la pubblica amministrazione ai reati in ambito fallimentare e tributario. 

Si occupa delle violazioni e dei reati previsti dal Codice della Strada, dalla Legge in materia di sostanze stupefacenti e dal Testo Unico in materia di immigrazione. Si occupa del diritto delle Assicurazioni, e di tutti gli aspetti relativi al risarcimento del danno da reato.

Si occupa anche di diritto penale minorile.

L’attività professionale dello Studio Legale, in linea con le esigenze di tutela e di difesa del cliente assistito e previa valutazione completa del caso che viene sottoposto, comprende sia l’ambito Giudiziale che quello Stragiudiziale, l’elaborazione di una precisa strategia e le investigazioni difensive riconosciute dalla Legge 397/2000.

Per tutti i casi giuridico-professionali, o laddove sia opportuno e più utile per la più completa assistenza e difesa, lo Studio Legale si avvale di Colleghi Professionisti con cui l’Avvocato Ludovico Santarelli collabora costantemente e di esperti consulenti tecnici altamente qualificati.

Lo Studio Legale si occupa specialmente, per tutto ciò che riguarda l'attività stragiudiziale, del recupero crediti, della redazione di contratti, della stipula di transazioni, e delle richieste di risarcimento del danno.

Infine, l'Avvocato Ludovico Santarelli si occupa anche di diritto dello sport, e svolge attività di procuratore sportivo.

News Giuridiche

giu16

16/06/2024

Il rendiconto periodico dell’amministratore di sostegno

<span style="color: #1f1f1f; background-color:

giu14

14/06/2024

Il diritto di accesso degli eredi ai nominativi dei beneficiari delle polizze del de cuius

Il Garante Privacy riconosce la possibilità